Area riservata

Newsletter

Link

Siti amici, partners o semplicemente di interesse che vi segnaliamo. Accedi

 52 visitatori online

Dalla tassazione a tutto il resto

L'organizzazione sociale in materia tributaria riflette l'organizzazione sociale in genere. Che per fortuna in Italia è molto meglio di quella in materia tributaria. Inseriamo qui gli spunti per evitare ulteriori peggioramenti. Mentre i nostri sforzi per migliorare la parte tributaria sono su www.giustiziafiscale.com per la classe dirigente in genere e www.fondazionestuditributari.com per gli (sfortunati :-)) operatori di questo settore

Home Opinione pubblica e media "Opinione pubblica" e "classi dirigenti"
"Opinione pubblica" e "classi dirigenti" PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaello Lupi   

In questo sito parliamo spesso di "opinione pubblica", perchè -mentre le aziende si rivolgono "al mercato"- le istituzioni pubbliche si rivolgono "alla comunità" , di cui "gli utenti" sono semplicemente una espressione. Quando si parla di “opinione pubblica”

non  si indica solo “la maggioranza delle persone o dell’elettorato, che pure contano. Si pensa piuttosto all’insieme degli operatori della convivenza sociale, delle istituzioni, dei rappresentanti dei ceti produttivi, ai dirigenti dei sindacati e delle associazioni di categoria,ai manager delle aziende pubbliche e private, all’alta burocrazia, ai magistrati, agli studiosi, ai giornalisti della televisione e della carta stampata (“opinion makers), agli uomini di cultura, agli studiosi della società, a chiunque eccella nei rispettivi settori ed abbia quindi credito presso la pubblica opinione . Compreso chi scrive romanzi, libri, pratica con successo attività artistiche o sportive, ed è per questo visibile nella società. La classe dirigente” è l’opinione pubblica qualificata, investita del consenso e della delega degli altri, l’insieme di quanti, nel settore o nell’ufficio di loro competenza, hanno “autorevolezza”, prima che potere. Il pluralismo, prima che la formale “democrazia” deriva dal coordinamento di queste forze, dal coordinamento del loro contributo all’organizzazione sociale complessiva. E’ da qui che dovrebbero essere cooptati, secondo criteri in parte contingenti e casuali, i dirigenti politici, in modo che comunque abbiano una visione di insieme della convivenza sociale. Sono tantissimi gli individui in cui c’è un po’ di classe dirigente, secondo le solite sfumature intermedie delle scienze sociali, che spaziano dal presidente del consiglio a chiunque sia importante nel proprio settore, o semplicemente si ponga il problema del bene comune, compresi gli uomini della strada, impegnati nelle proprie vicende personali. Può accadere che ciascuno deleghi e venga nel suo piccolo a sua volta delegato. In un certo senso “ognuno è classe dirigente in proporzione a quello che può fare e fa”, in proporzione alle competenze ed all'ascolto che ha. L'opinione pubblica si settorializza, a seconda degli interessi e dei bisogni, ma soprattutto delle capacità di comprensione e della formazione. C'è una opinione pubblica sulla sanità, una sull'istruzione, una sul fisco, una sulle coppie gay, una sulle banche, una sull'europa, e nessuna di esse è "monolitica", ma si compone di varie sfumature di interessi parziali, diversamente dosati e diversamente orientati. Gli studiosi sociali avrebbero una funzione di guida, non per le apparizioni televisive nè per le cattedre ricoperte, ma per la possibilità degli ascoltatori, di quelli che sono impegnati in altri settori della convivenza sociale, di riconoscersi nella sostanza di quello che loro dicono. Ritrovando le proprie idee, intuizioni e sensazioni, necessariamente frammentarie ed estemporanee, meglio coordinate e sistemate. Quest'interazione con l'opinione pubblica è una delle principali differenze tra ruolo dello scienziato sociale e di quello sperimentale. Che comunica attraverso le scoperte, mentre lo scienziato sociale comunica, coordinando concetti e riflessioni alla portata degli altri componenti della classe dirigente, e in una certa misura di tutta la pubblica opinione..

 

Copyright © 2012 www.organizzazionesociale.com | All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati | fondazione studi tributari P.IVA 97417730583

PixelProject.net - Design e Programmazione Web